Alcune persone mettono peso quando diventano attive – Ecco perché

Alcune persone mettono peso quando diventano attive – Ecco perché

Ci dicono sempre di mangiare di meno e di fare più attività fisica ma questo presenta un problema ovvio. Essere attivi rende più affamati quindi c’è il rischio che si mangi di più

Si sta ancora cercando il meccanismo che governa il modo in cui l’energia che spendiamo si traduca nel nostro livello di appetito.

In un mondo ideale, il corpo umano sarebbe tarato per rilevare immediatamente i cambiamenti nella quantità di energia che usiamo e quindi segnalare la giusta quantità per bilanciarlo. Purtroppo no: tutti noi soffriamo la fame due o tre volte al giorno, a volte di più, a prescindere da cosa stiamo facendo.

Anche i nostri corpi rilasciano segnali molto più forti riguardo al nostro appetito quando non abbiamo mangiato abbastanza rispetto a quando abbiamo mangiato troppo. Questo scarso rapporto di feedback giornaliero aiuta a spiegare perché le persone obese provano ancora forti “sentimenti di fame”.

Misteri dell’ appetito

C’è molto che non capiamo circa l’effetto dell’aumento dell’attività. La maggior parte di noi brucia diverse quantità di calorie in giorni diversi – i frequentatori di palestra hanno giorni liberi, mentre tutti hanno giorni in cui camminano, fanno i lavori domestici o altro.

Gli studi non trovano alcuna chiara relazione tra queste variazioni e la quantità di cibo che la persona media consuma durante il giorno.

La maggior parte delle ricerche si è concentrata sulle persone che fanno esercizio aerobico e, ad esempio, hanno scoperto che mentre alcune persone molto allenate e magre tendono a mangiare la giusta quantità per compensare le calorie in eccesso che bruciano, le persone in sovrappeso sono più inclini a mangiare troppo.

Cosa potrebbe nascondersi dietro questa differenza?

Una possibilità è che i processi fisiologici cambino nelle persone che fanno più esercizio fisico – ad esempio, i loro ormoni possono essere rilasciati in diverse concentrazioni quando mangiano, potenzialmente in relazione alla quantità di cibo di cui hanno bisogno.

Una domanda di lunga data, risalente a circa 60 anni fa, è il punto in cui il metabolismo si inserisce nel quadro. Alcuni lavori importanti pubblicati nel 2013 da un team di Leeds hanno scoperto che le persone in sovrappeso erano più affamate e consumavano più calorie delle persone più magre.

Poiché le persone in sovrappeso hanno un tasso metabolico a riposo più alto – la velocità con cui il corpo brucia energia a riposo – il gruppo ha proposto una correlazione tra questa percentuale e le dimensioni dei pasti che le persone mangiano. Il fatto che i tassi metabolici a riposo delle persone siano stabili, indipendentemente dalle fluttuazioni dell’esercizio fisico quotidiano, potrebbe aiutare a spiegare perché i livelli di esercizio spesso non hanno alcun peso su quanto mangiamo lo stesso giorno.

Tuttavia, ciò non significa che il tasso metabolico a riposo determini effettivamente la quantità di cibo che mangiamo. Il team ha proposto che la composizione corporea di una persona, in particolare la quantità di massa muscolare, potrebbe regolare il loro tasso metabolico.

Se è così, il tasso metabolico potrebbe agire come intermediario – instradando le informazioni sulla composizione corporea attraverso le reti ipotalamiche nel cervello, che si ritiene controllino l’appetito. Ad ogni modo, questo ha ancora bisogno di ulteriori ricerche.

Lo studio

Per esaminare cosa succede nella situazione di vita reale, piuttosto che in ambiente di laboratorio, è stato analizzato ciò che accade al consumo calorico delle persone nei giorni in cui sono più attivi senza deliberatamente fare esercizio fisico.

Sono stati esaminati 242 individui – 114 uomini e 128 donne. Si è scoperto che la loro quantità di attività influiva su quanto mangiavano, ma che i loro tassi metabolici a riposo influenzavano anche i loro appetiti – in altre parole, le persone in sovrappeso tendevano a mangiare di più.

Questo è un altro passo avanti nella comprensione della relazione tra attività e calorie che consumiamo.

Ci sono molte variabili che sono state a malapena prese in considerazione dai ricercatori. La maggior parte del lavoro tende a concentrarsi su uomini bianchi di età compresa tra i 20 ei 30 anni, ad esempio, eppure ci sono prove che le donne sono più inclini a compensare l’attività fisica extra mangiando.

Allo stesso modo, è probabile che diverse caratteristiche genetiche siano importanti – alcune persone sono più irrequiete, ad esempio. Poi ci sono differenze nella psicologia delle persone e in che misura usano il cibo come ricompensa.

Le persone che hanno perso peso o sono ingrassate avranno segnali di appetito diversi per le persone il cui peso è stabile. Il tempo dell’attività nella giornata è probabile che faccia la differenza.

Conclusione

Ciò che possiamo dire è che molte persone sono soggette a mangiare di più quando sono più attive.

Spostarsi di più non porterà a perdere peso in modo spontaneo, le persone dovrebbero essere consapevoli di questo aspetto e guardare quanto mangiano in più.

Fonti:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30777142

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/3055144

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/13250128

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23193010

https://www.verywellfit.com/metabolism-facts-101-3495605

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30659256

38 Condivisioni