Donne e sport (di potenza): cosa mangiare

Donne e sport (di potenza): cosa mangiare
Tempo di lettura: 1 minuto

Ecco alcuni suggerimenti alimentari per le donne che praticano sport di potenza come body-building, allenamento funzionale, HIT, crossfit e simili.

Sport di potenza e alimentazione: cosa evitare?

 

  • Evita una dieta ipocalorica

Questo tipo di dieta infatti stressa il nostro corpo con conseguenze quali stanchezza, fatica nel recupero, meno concentrazione, dolori muscolari persistente e gonfiore.

  • Non aumentare la tua dieta in modo inconsapevole.

A tal proposito vediamo i consigli alimentari di una body-builder italiana, Silvia Pegoraro, come riporta “Alimentazione in equilibrio”.

Donne e sport di potenza: cosa mangiare

Proteine: devono essere costanti (quando ci si allena e quando si è a riposo). In relazione al volume di attività fisica e all’obiettivo individuale, è bene considerare 1-1,5 g di proteine al chilo. Attenzione a non abusarne se il fisico è “a pera”.

Carboidrati: devono essere maggiori nei giorni di allenamento e minori in quelli di recupero.

Grassi: devono mantenersi costanti. La quantità varia tuttavia durante il periodo dell’anno, e quindi aumentati se si sta facendo massa e diminuiti nel periodo di definizione.

Come variano le calorie?

Inoltre, continua Silvia Pegoraro, tendenzialmente ci sono oscillazioni caloriche quando ci si allena (in cui c’è un consumo maggiore di calorie) rispetto a quando si è a riposo. Tuttavia, se si è in mantenimento le calorie devono rimanere le stesse, con l’unica differenza che aumentano i carboidrati rispetto ai grassi.

Si può “sgarrare” con qualche dolce?

Per quanto riguarda gli “sgarri alimentari” come dolci o gelati sono consentiti. In linea di massima infatti, non si accusano effetti di un innalzamento insulinico entro 2 ore dal termine dell’allenamento, ma si tratta di un aspetto piuttosto soggettivo.

Approfondimento:
http://www.alimentazioneinequilibrio.com/lalimentazione-sportiva-al-femminile/
14 Condivisioni