Scoperti batteri che migliorano le prestazioni sportive

Scoperti batteri che migliorano le prestazioni sportive

Una nuova ricerca ha identificato un tipo di batteri presenti nel microbiota degli atleti di alto livello che contribuisce a migliorare la prestazione sportiva. Questi batteri, del genere Veillonella, non si trovano nell’intestino delle persone sedentarie.

Osservando più da vicino i batteri, i ricercatori del Joslin Diabetes Center hanno determinato che la Veillonella metabolizza l’acido lattico prodotto dall’esercizio e lo converte in propionato, un acido grasso a catena corta. Il corpo umano utilizza quindi quel propionato per migliorare la prestazione sportiva. 

L’aumento della capacità è un forte fattore predittivo di salute generale e di protezione contro le malattie cardiovascolari, il diabete e la longevità generale“, afferma Aleksandar D. Kostic coautore del documento. “Ciò che immaginiamo è un integratore probiotico che le persone possano prendere per aumentare significatamente la loro capacità di fare esercizi i e quindi proteggerli dalle malattie croniche incluso il diabete“.

Il lavoro è iniziato nel 2015 con campioni fecali dei corridori della maratona di Boston. Jonathan Scheiman, PhD, allora ricercatore nel laboratorio di George Church, PhD, presso la Harvard Medical School, ha raccolto campioni per un periodo compreso tra una settimana prima della Maratona e una settimana dopo. Ha anche raccolto campioni da individui sedentari. Il Dr. Scheiman ha quindi portato i campioni al Dr. Kostic, che li ha analizzati per determinare le specie di batteri in entrambe i gruppi.

Una delle cose che ha immediatamente attirato la nostra attenzione è stato questo singolo organismo, la Veillonella, che è notevolmente aumentato subito dopo la maratona. In generale la Veillonella è presente nei corridori di maratone mentre non si trova in individui con vita sedentaria ” dice il dott. Kostic.

Ma come funziona?

Analizzando la Veillonella hanno scoperto che è un batterio relativamente unico nel microbioma umano in quanto utilizza lattato o acido lattico come unica fonte di carbonio.

L’acido lattico viene prodotto dai muscoli durante un intenso esercizio fisico. I batteri Veillonella sono in grado di utilizzare questo sottoprodotto dell’esercizio come principale fonte di cibo.

La nostra prima ipotesi era che funzionasse come un pozzo metabolico per rimuovere il lattato dal sistema, partendo dall’idea che l’accumulo di acido lattico nei muscoli creasse affaticamento“. 

Ma parlando con specialisti  nel campo della fisiologia dell’esercizio, hanno verificato che  l’idea che l’accumulo di lattato causi l’affaticamento non è del tutto accettata. 

Quindi, hanno ripensato al meccanismo.

Il Dr. Kostic e il suo team sono tornati in laboratorio per capire cosa potesse causare l’aumento della capacità di allenamento. Hanno eseguito un’analisi metagenomica, nel analizzando la genetica di tutti gli organismi nella comunità del microbioma, per determinare quali eventi siano stati innescati dal metabolismo dell’acido lattico. Hanno notato che gli enzimi associati alla conversione dell’acido lattico nel propionato di acidi grassi a catena corta erano in numero molto più elevato dopo l’esercizio.

Quindi la priorità non era più la rimozione dell’acido lattico, ma la generazione di propionato. “Abbiamo fatto alcuni esperimenti per introdurre il propionato nei topi e testare se ciò fosse sufficiente per aumentare la capacità di corsa. Ed è stato così.

Le colonie di batteri che risiedono nell’intestino hanno un forte impatto sulla nostra salute. L’esercizio fisico è una componente importante di uno stile di vita sano destinato a scongiurare malattie come il diabete di tipo 2. Molte persone con disturbi metabolici non sono in grado di fare attività fisica tanto da riscontrare tali benefici. Integrare il loro microbioma usando un integratore probiotico contenente Veillonella potrebbe dare loro la spinta di cui hanno bisogno per un esercizio efficace. 

Fonte:

https://www.nature.com/articles/s41591-019-0485-4

54 Condivisioni