Colpire la palla emettendo un suono condiziona la traiettoria?

0
626
Colpire la palla emettendo un suono condiziona la traiettoria?

Vi sarà sicuramente capitato di vedere una partita di tennis e sentire che il colpo veniva “accompagnato” da grugniti o “urletti”. Secondo gli psicologi dello sport questi rumori influenzano la previsione del volo della palla.

Superando i livelli di rumore di 100 decibel, i suoni prodotti da alcuni giocatori di tennis quando colpiscono la palla sono pari con le moto o le motoseghe. Mentre i fan reagiscono con fastidio o divertimento.

Per esempio, Serena Williams ha detto che non è infastidita dalle avversarie che emettono suoni vocali nel calore della competizione. Al contrario, l’ex numero uno del mondo Martina Navratilova si è lamentata del fatto che il grugnito maschera il suono della racchetta che colpisce la palla, rendendolo – ingiustamente – più difficile da prevedere la traiettoria della palla.

La questione se questa denuncia comune sia giustificata è stata ora esaminata in un nuovo studio da un gruppo di psicologi dello sport dell’Università Friedrich Schiller di Jena, guidato dal dott. Florian Müller e dal prof. Rouwen Cañal-Bruland.

Test con grugniti manipolati

Per questo studio, il team di ricerca ha condotto una serie di esperimenti in cui a giocatori esperti sono stati mostrati diversi video dal rally ad una partita di tennis professionista. Dopo aver osservato i giocatori colpire la palla, hanno dovuto elaborare la traiettoria della palla e indicare dove sarebbe andata. All’insaputa dei partecipanti, però, l’intensità dei grugniti è stata manipolata.

Pregiudizi dei grugniti e anticipazione del volo della palla

I risultati indicano che il grugnito ha un effetto – ma non quello rivendicato dalla Navratilova. Non c’era alcuna prova che il grugnito causasse un effetto di distrazione. Nonostante la presunta irritazione, il livello di errore dei partecipanti nel predire dove sarebbe atterrata la palla era lo stesso, indipendentemente dall’intensità dei grugniti. Invece, è stato dimostrato che più forte è il grugnito, più i partecipanti hanno supposto che la palla volasse. “Sappiamo che i grugniti rappresentano benefici fisiologici per i giocatori“, spiega Müller. Altri ricercatori hanno dimostrato infatti che l’aria espirata forzatamente attiva i muscoli addominali, fornendo una forza aggiuntiva che consente ai giocatori di colpire più forte, facendo volare la palla più velocemente. “Questo probabilmente spiega perché un effetto può essere osservato come risultato del grugnito, ma la capacità di anticipare la traiettoria della palla rimane inalterata.”

Secondo Müller e i suoi colleghi, i risultati dello studio suggeriscono che la richiesta di Navratilova deve essere riconsiderata. Per gli psicologi dello sport, è anche la prova che le impressioni sensoriali diverse dalla vista sono importanti anche nello sport e che gli scienziati dovrebbero esaminarle più da vicino in futuro. Anche per questo motivo, vogliono rimanere “sulla palla” e approfondire ulteriormente il fenomeno. Per avvicinarsi alle condizioni del mondo reale, nella fase successiva i partecipanti dovranno prendere una palla da tennis sul touchscreen in tempo reale. In definitiva, l’esperimento potrebbe anche essere condotto durante una partita vera su un campo da tennis – purché nessuno nel quartiere sia disturbato da grugniti eccessivamente forti.

Fonti:

https://www.uni-jena.de/en/190502_tennis_grunting.html

https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0214819