Individuare dopo l’esercizio fisico segnali di stress cardiaco nel sangue

Individuare dopo l’esercizio fisico segnali di stress cardiaco nel sangue

I segni di stress cardiaco, che compaiono nel sangue dopo l’esercizio fisico, possono indicare quali pazienti con malattia coronarica sono maggiormente a rischio di infarto o altri problemi.

Spesso i pazienti con malattie coronariche sono sottoposti ad un test da sforzo sul tapis roulant per cercare eventuali ostruzioni nelle arterie. I ricercatori hanno esaminato misurazioni che potrebbero fornire ulteriori informazioni su quali pazienti potrebbero essere maggiormente a rischio di eventi cardiaci.

Lo studio

In questo studio, i ricercatori hanno esaminato come le cellule progenitrici circolanti possono essere un fattore rilevante nei problemi legati al cuore. Le cellule progenitrici circolanti (o CPC), pensate come “squadre di riparazione” dei vasi sanguigni, derivano dal midollo osseo e circolano nel sangue a bassi livelli.
Nelle persone sane, l’esercizio fisico fa sì che le cellule lascino il midollo osseo ed entrino nel sangue, perché il loro lavoro consiste nel riparare i vasi sanguigni. Nelle persone con malattia coronarica le cui arterie sono ristrette, con rischio di sviluppare un’ischemia (limitazione del flusso sanguigno), più cellule vengono dirottate verso il cuore per riparare il danno.
Le informazioni acquisite dalle variazioni dei conteggi CPC durante l’esercizio fisico possono essere più utili ai cardiologi nel rischio di stratificazione di questi pazienti rispetto al test di esercizio del tapis roulant stesso” afferma il primo autore Kasra Moazzami, ricercatore cardiovascolare presso l’Emory University Clinical Cardiovascular Istituto di ricerca.

I ricercatori hanno approfittato dei dati dello studio sulla prognosi dell’ischemia da stress mentale, esaminando 454 pazienti con malattia coronarica stabile. Hanno diviso i partecipanti in due gruppi, in base all’aumento o alla diminuzione del numero di CPC durante un test da sforzo sul tapis roulant.

Le persone il cui numero di CPC era diminuito avevano più del doppio delle probabilità di sperimentare infarto o morire di malattie cardiache nei prossimi tre anni, anche tenendo conto dei fattori di rischio standard.

Fonti:

https://jamanetwork.com/journals/jamacardiology/article-abstract/2755969

328 Condivisioni