Intervista motivazionale nello sport per progredire

0
294
Sport di squadra: ecco come aumentano le possibilità di vittoria

Per gli allenatori che vogliono ispirare gli atleti a fare meglio, utilizzare domande motivazionali è un’abilità utile da sviluppare. L’”intervista motivazionale” è un approccio utilizzato nelle impostazioni di consulenza per aiutare le persone a progredire nei loro obiettivi.

La tecnica viene utilizzata quando le persone si sentono in difficoltà di fronte ad un cambiamento: sanno che vogliono fare dei cambiamenti ma hanno anche delle buone ragioni per mantenere le status quo.

Il colloquio motivazionale è un approccio importante per aiutare gli atleti a lavorare sulla difficoltà al cambiamento, analizzando la mentalità e collegando le diverse ragioni per valutare i pro e i contro. L’altra idea è quella di aiutare gli atleti a vedere, attraverso alcune domande, perché apportare cambiamenti potrebbe essere positivo per loro.

Di seguito abbiamo elencato otto domande che un allenatore potrebbe porre agli atleti per guidarli verso un cambiamento di mentalità. Allenare un atleta a capire il percorso è un’abilità e i più grandi allenatori sono maestri nel porre domande che indichino allo sportivo la giusta direzione.

1. Qual è il tuo obiettivo principale in questa stagione?

Per suscitare con successo una profonda motivazione personale in qualcuno è necessario comprendere questo obiettivo e come mai sia importante per l’atleta. Se l’atleta non ha un obiettivo chiaro, un allenatore dovrebbe guidarlo per stabilire un obiettivo realistico.  

2. Quali sono i vantaggi di apportare modifiche e perseguire un determinato obiettivo?

E’ utile  orientare la conversazione verso la comprensione di quali benefici possano scaturire nel cambiare e perseguire un determinato obiettivo. Aiutare ad  esprimere perché un obiettivo sia importante e quali emozioni positive potrebbero essere vissute una volta raggiunto. Questo tipo di domande può aiutare a costruire una migliore relazione tra l’allenatore e l’atleta in quanto la domanda è più sulla comprensione della prospettiva dell’atleta. Dopo questo, un allenatore può determinare il modo migliore per rendere l’obiettivo realistico e raggiungibile, eventualmente offrendo anche alcune modifiche. La chiave sta nell’ ascoltare prima di pianificare.

3. Quali sono i vantaggi di continuare ciò che hai fatto o di non aver apportato alcun cambiamento?

Ci sono benefici nel continuare quello che hai fatto finora?” Questa domanda può aiutare un atleta a riflettere e scoprire le ragioni che hanno impedito di fare un cambiamento che in realtà vuole.  

4. Quali sono i vantaggi di fare un cambiamento?

Domande motivazionali che stimolino una conversazione sui benefici del cambiamento possono aiutare gli atleti a trovare motivi validi per farlo. Li aiuta a seguire anche i passi necessari per raggiungere i loro obiettivi. L’allenatore che conosce le ragioni personali per cui lo sportivo  vuole migliorare, si ritrova un’importante “arma” che può essere usata per continuare a motivarlo.

5. “Se dovessi (inserire un comportamento qui) per X quantità di tempo per vincere un milione di euro, lo faresti?”

Questa semplice domanda può aiutare a innescare un cambiamento mentale negli atleti. Capiranno che se sono disposti e in grado di cambiare per una ricompensa, allora possono davvero cambiare.

6. Come sarebbe la tua vita tra cinque anni se non cambiassi il tuo comportamento?

Un modo per aprire gli occhi degli atleti alle conseguenze a lungo termine delle loro azioni è quello di porre loro questa domanda. Come sarebbe la loro vita tra cinque anni se non cambiassero certi comportamenti? Le loro menti cominceranno naturalmente a immaginare il futuro. E se a loro non piace quello che vedono, si sentiranno più motivati ​​a cambiare.

7. Su quali aspetti lavoreresti per fare un vero cambiamento?

Chiedendo agli atleti questa domanda li aiuta a pensare al “come” del cambiamento.

Questa domanda aiuta a collegare gli obiettivi con le azioni. Può aiutare gli atleti a riflettere e ottenere maggiore chiarezza su ciò che devono fare per raggiungere il loro obiettivo. L’idea è di aiutare l’atleta ad avere risposte che vengano da sé piuttosto che dall’allenatore. A volte, le risposte che provengono da se stessi sono più influenti di quelle che provengono dagli altri.

8. Qual è il primo  passo che puoi fare ora?

Un buon modo per gli allenatori di concludere la conversazione con un atleta è di chiedere quale passo si possa fare subito per iniziare. Questo rifocalizza l’atleta e l’allenatore al momento presente. Riduce anche la sensazione travolgente che può venire con il cambiamento. L’allenatore, in questo modo, può aiutare l’atleta a individuare alcuni passi concreti, più piccoli che possono essere presi nel presente, aumentando la probabilità di agire immediatamente. Ecco come inizia il cambiamento.

Le domande motivazionali possono aiutare a stimolare la motivazione personale degli atleti. Finché l’allenatore ha buone capacità interpersonali, questa strategia è spesso ben accolta dagli atleti. L’intervista motivazionale riguarda l’avere un processo di conversazione collaborativa che consenta allo sportivo di sentirsi più padrone delle proprie scelte. Molte persone rifiutano di cambiare quando sono gli altri a dire di farlo.

Le interviste motivazionali possono reindirizzare e aiutare gli atleti a far parte della soluzione, a scegliere quali cambiamenti apportare, come migliorare e quali misure adottare per iniziare immediatamente.

Fonte:
sportsandthemind.