Lo sport e il bite: ecco cosa sapere

0
339
Lo sport e il bite: ecco cosa sapere

È sempre più diffuso l’utilizzo di dispositivi orali durante l’attività fisica. Più comunemente chiamati bite, sfruttano la funzionalità temporo-mandibolare per migliorare la postura, la forza e la coordinazione.

Vediamo i tipi di bite

Le placche occlusali possono essere costruite in materiali diversi, come:

  • resine,
  • metallo,
  • materiali termo-plastici, rivelati ottimi per l’adattamento alle esigenze in ambito sportivo.

Perché utilizzare il bite? I benefici.

I nostri denti possono risentire di alcune abitudini connesso allo sport e quindi può succedere di stringerli troppo durante lo sforzo fisico. La conseguenza è l’alterazione della postura facendo danni alla salute e compromettendo anche la stessa prestazione sportiva.

I bite quindi eliminano tali interferenze dentali e migliorano le performance. Ecco inoltre gli altri benefici:

  • Maggiore resistenza.  Stringere i denti induce la compressione dei muscoli della mandibola, innescando il rilascio dell’ormone Cortisolo che, se eccessivo, riduce la forza, la resistenza e le prestazioni. È stato dimostrato che l’utilizzo del bite sportivo riduce la produzione di tale ormone migliorando in modo significativo  il metabolismo di proteine e aumentando la resistenza.
  • Aumento della forza.
  • Migliore respirazione.

  • Migliore equilibrio posturale. L’azione del bite sportivo riduce inoltre i tempi di recupero muscolare e aiuta l’apparato muscolo scheletrico nella stabilizzazione dell’equilibrio posturale. Questo permette una più corretta ridistribuzione dei carichi.
  • Meno infortuni.
Brux Power
Pubblicità

I bite utilizzati dagli atleti devono inoltre:

  • avere il minor ingombro possibile in bocca
  • essere semplici da inserire e disinserire
  • dare uno stress minimo sui denti
  • avere una buona stabilità dimensionale
  • avere superfici di contatto ben levigate
  • avere contorni che rispettino le gengive e le mucose
  • avere bordi arrotondati per evitare disturbi alla lingua
  • permettere una buona fonazione
  • permettere una buona deglutizione.

Fonti:
http://www.webalice.it/marco.giacobbe/articoli_argomenti/argomenti/bite%20sport.htm
S. Walther : «KINESIOLOGIA APPLICATA» (Synopsis, Systam D.C., 1998)
Mongini: «LE CEFALEE E IL DOLORE FACIALE» Utet Torino, 1998)
S. Milani, D. D. De Periere, L. Lapeyre, L. D. Pourreyron: «RELATIONSHIP BETWEEN DENTAL OCCLUSION AND POSTURE»  (Cranio; 2000, 4)
Pelosi, A. Caronti: «VERIFICA DEI TESTS DI KINESIOLOGIA APPLICATA   CON PEDANA STABILOMETRICA » (Atti del II° Congresso mondiale di kinesiologia, Garda, 1995)  
M. Esposito: «PROBLEMI POSTURALI DI PERTINENZA ODONTOSTOMATOLOGICA » (Atti del II° Congresso mondiale di kinesiologia, Garda, 1995)
Zucchi:  « IL BITE » (Atti del II° Congresso mondiale di kinesiologia, Garda, 1995)
D. Mac Ardle, F. I. Katch, V. L. Katch: «FISIOLOGIA APPLICATA ALLO SPORT»  (Casa Editrice Ambrosiana, 1998)
Guidetti, M. Tassinari, P. Gioffrè, R. Galletti, P. Pederzoli: «PROPRIOCEZIONE STOMATOGNATICA E RACHIDEA: CONTROLLO POSTURALE »  (Dental Cadmos; 1993, 6)
G. Vinguerra, M. Partenza, M. Agelao, A. Filoni, P. Cellocco «CORRELAZIONE TRA PATOLOGIE DEL RACHIDE E DISFUNZIONI DELL’ATM MEDIANTE STUDIO BAROPODOMETRICO COMPUTERIZZATO» (Italian. J. Sport Sci. 2000; 2)
De Mola, G. Montaruli: «ODONTOIATRIA E POSTURA: AMBITI, LIMITI, PROSPETTIVE»  (Doctor OS 1999; 9)
Urzi, G. Bavaresco, E. Crivellaro, A. Beghi, E. Mantovani: «PRESENTAZIONE DI UN PROTOCOLLO DIAGNOSTICO INTERDISCIPLINARE PER LA VALUTAZIONE DEL SISTEMA POSTURALE»  (Doctor OS; 1998, 3)
Bonaccorso, T. R. Tripi: «DISTURBI SULL’ATM E DISFUNZIONI CERVICALI: POSSIBILI CORRELAZIONI»  (Dental Cadmos; 1998, 2)
Massaiu, G. Toxiri : «SCOMPARSA DEI SINTOMI “ACCESSORI” DURANTE IL TRATTAMENTO DELLE DISFUNZIONI DELL’ATM)»  (Il Dentista Moderno;1998, 4)
Luglio : «PATOLOGIA DELL’ATM: ESPRESSIONE SINTOMATOLOGICA DI SINDROME POSTURALE» (Il Dentista Moderno; 1998, 10)
Mongini: «ATM E MUSCOLATURA CRANIO-CERVICO-FACIALE.  FISIOPATOLOGIA E TERAPIA» (Utet Torino; 1996)
Ridi, F. Rossi: «GUIDA ALLA CLASSIFICAZIONE, VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DELLE DISFUNZIONI CRANIO-MANDIBOLARI-POSTURALI» (Bollettino di informazioni ortodontiche, 1997, 56)
La Torre, L. Marigo: «L’EZIOLOGIA MULTIFATTORIALE NEI DISORDINI DELL’ARTICOLAZIONE CRANIO MANDIBOLARE» (Doctor OS; 2000, 6)
Libertucci: «DIAGNOSI E TERAPIA DEL DENTE “NEUROLOGICO”.   DUE CASI CLINICI » (Il Dentista Moderno;1992, 9)
Veltri, C. Romano, M. Stenco, D. Bono: «RAPPORTO TRA FUNZIONE, PARAFUNZIONE, OCCLUSIONE E ALTERAZIONE DELLA POSTURA CERVICALE.»  (Il Dentista Moderno;1994, 5)
Cavallaro, M. Fedele, F. Giancotti: «OCCLUSIONE E POSTURA »(Il Dentista Moderno;2000, 5)
Misitano, A. H. Christensen, E. Misitano, F. Misitano  «DISFUNZIONI ATM. SEMEIOTICA ODONTOIATRICA» (Rivista di odontoiatria degli amici di Brugg; 1996, 4)
Misitano: «L’ESAME OBIETTIVO DELLE STRUTTURE CRANIO FACCIALI»  (Il Dentista Moderno;1985, 3)
Procaccini, E. Baldoni, L. Sorrentino, L. Santinello: «APPROCCIO DIAGNOSTICO NELLE PATOLOGIE DELL’ARTICOLAZIONE TEMPOROMANDIBOLARE»  (Il Dentista Moderno;1993, 2)
Veltri, F. Basile, S. Giammatei: «POSTURE ERRATE: KINESIOLOGIA APPLICATA.  DIAGNOSTICA E TERAPEUTICA IN CAMPO ODONTOIATRICO» (Doctor OS; 1992; 8)
Benfenati, C. Diolaiti «IPOTESI DI PROTOCOLLO CLINICO DELLE DISFUNZIONI CRANIO-CERVICO-MANDIBOLARI» (Il Dentista Moderno;1992, 3)
Iwakasi, R. Inaba, H. Iwata: «BITING FORCE AND PHYSICAL FITNESS IN ATHLETES»  (Nippon Eiseigaku Zasshi;. 1994, 8)
Aloi: «EFFECTS OF MANDIBULAR APPLIANCES ON ATHLETIC PERFORMANCE.» (Cranio Clin Int.; 1991;1)
 Mason:  «SPORT TMJ DYSFUCTION. CASE REPORT» (Aust. Dent. J.; 1992, 12)
Roettger: «MANDIBULAR REPOSITIONING TO ENHANCE ATHLETIC PERFORMANCE: IS IT WELL FOUNDED? AND MORE IMPORTANTLY, IS IT SAFE?»  (Aust. Dent. J.; 1992, 12)