Nuoto: per un benessere a 360°

0
311
Perdere peso con il nuoto invernale

Il nuoto è eccellente per far lavorare tutto il corpo e migliorare il sistema cardiovascolare senza alcun impatto su ossa e articolazioni.

Ecco gli innumerevoli benefici del nuoto:

Per il corpo

  • tonifica i muscoli
  • aumenta forza
  • incrementa resistenza
  • Favorisce la perdita di peso  (In media un nuotatore consuma tra le 400 e le 600 kcal in un’ora).

Per il sistema cardiovascolare

Nuotare con regolarità abbassa la frequenza cardiaca a riposo e la pressione sanguigna, aumentando la gettata cardiaca e riducendo così il rischio di malattie cardiovascolari.

Inoltre, viene consigliato come attività fisica aerobica per migliorare il metabolismo. Questa attività, infatti, abbassa i valori di colesterolemia, aiutando la regolarizzazione dei valori glicemici e la riduzione della pressione arteriosa.

Ottimo per la riabilitazione

Può anche aiutare a ridurre parte del dolore o migliorare il recupero da un infortunio. Uno studio ha dimostrato che le persone con artrosi hanno riportato riduzioni significative del dolore e della rigidità articolari e hanno sperimentato meno limitazioni fisiche dopo essersi impegnati in attività come il nuoto.

Aiuta chi soffre di asma

L’ambiente umido delle piscine coperte rende il nuoto un’ottima attività per le persone che soffrono di asma. Non solo, ma gli esercizi di respirazione associati allo sport, come trattenere il respiro, possono aiutare ad espandere la capacità polmonare e ottenere un maggior controllo sulla respirazione.

 Migliora l’umore riducendo lo stress

Grazie al rilascio di endorfine (ormoni della felicità) migliora l’umore. Inoltre, in uno studio dell’Università di Taiwan, è stato esaminato un gruppo di nuotatori immediatamente prima e dopo il nuoto. Delle 101 persone intervistate, 44 avevano riferito di essere leggermente depresse e di provare stress legato alla vita frenetica quotidiana. Dopo il nuoto, il numero di persone che hanno confermato di sentirsi ancora stressate è sceso a otto.

Quale stile scegliere?

  • Lo stile Rana richiama le movenze dell’animale di cui porta il nome e si caratterizza da un movimento simmetrico delle braccia che sembrano formare un cuore a cui segue un movimento quasi circolare delle gambe. Le muscolature a trarre maggiori benefici da queste stile sono: glutei,cosce, braccia mani, polsi e i muscoli dorsali.
  • Lo Stile libero che consiste in un movimento alternato delle braccia accompagnato da una propulsione continua degli arti inferiori (di norma si fanno 3 movimenti delle braccia prima di respirare, mentre gli arti inferiori sono sempre in movimento), effettuato in posizione orizzontale sull’acqua e con il viso rivolto verso il basso guardando il pavimento della vasca della piscina. E ottimo per  rassodare i glutei, le cosce e i polpacci. Fa muovere le anche, le ginocchia, le caviglie. Per quanto riguarda la parte superiore del corpo, allena le spalle, i pettorali, i dorsali e i muscoli cervicali. Meno sollecitati sono gli addominali, anche se non si può dire che rimangano inutilizzati.
  • Il delfino o farfalla  è lo stile che generalmente viene considerato il più difficile. La totalità dei movimenti previsti segue una sorta di onda che origina dall’oscillazione del capo per spostarsi progressivamente, sul tronco sul bacino e sulle gambe. Richiede grande coordinazione, e permette di sviluppare particolarmente la parte superiore del corpo, schiena, spalle, muscoli pettorali e addominali. Ottimo anche per irrobustire i polmoni.
  • Il Dorso, così come si intuisce dal nome ha la particolarità che lo rende altresì unico, di dover esser eseguito con la testa rivolta verso l’alto; è quindi necessario avere un’ottima percezione del proprio corpo in movimento, ma anche un discreto senso dell’orientamento. Il dorso rinforza i muscoli dorsali, addominali e le spalle. Inoltre, tonifica i glutei e le cosce. In questo stile la respirazione è più semplice perché non richiede apnea.

Ora non ti resta che indossare cuffia e costume e andare a farti una bella nuotata!

Fonti:

https://www.cdc.gov/healthywater/swimming/swimmers/health_benefits_water_exercise.html

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27473445/