Scoperto un nuovo metodo anti doping

0
274
Scoperto un nuovo metodo anti doping

Gli scienziati hanno trovato un modo per aiutare i funzionari sportivi a rilevare se un atleta è colpevole di doping del sangue, iniettandosi il proprio sangue immagazzinato per massimizzare le prestazioni competitive.

Quando si parla di doping

Ai sensi del Codice mondiale antidoping (Codice) si può dimostrare che un atleta ha commesso una violazione delle disposizioni antidoping mediante:

  • la presenza di una sostanza proibita nel campione di urina o ematico;
  • il (tentato) impiego di una sostanza o di un metodo proibiti;
  • la (tentata) falsificazione del controllo.

Ma le auto-trasfusioni sono sempre state impossibili da rilevare.

L’auto-trasfusione

Un’auto- trasfusione prevede di prelevare il sangue dell’atleta molto prima della competizione, selezionare solo i globuli rossi e poi ri-imetterli nell’atleta prima della competizione per migliorare la capacità del sangue di trasportare ossigeno, il combustibile essenziale per le prestazioni muscolari.

Sangue giovane o vecchio?

Il metodo di rilevamento migliore utilizzato fino ad oggi è il “Passaporto degli atleti“, che mette a confronto un campione di sangue pre-competizione con uno preso dopo la competizione per vedere se ci sono cambiamenti significativi nella biochimica.

La difficoltà era che i test non potevano dire la differenza tra un “giovane globulo” e uno “vecchio” “, dice Jen-Tsan “Ashley” Chi, che ha condotto questa ricerca nel suo laboratorio presso il Centro per la genomica e la Duke University.

Come riportato nel British Journal of Hematology, Chi e colleghi hanno esaminato gli acidi nucleici, in particolare l’RNA, nei globuli rossi. Tra questi ci sono alcuni brevi frammenti di RNA chiamati microRNA (miRNA) che generalmente agiscono per controllare la produzione di proteine ​​in una cellula.

Biomarker del sangue

I ricercatori hanno prelevato tre unità di sangue dai volontari e le hanno elaborate per rimuovere virtualmente tutti i globuli bianchi e circa l’80 percento del plasma, lasciando un campione relativamente purificato di globuli rossi, proprio come richiederebbe un’ auto- trasfusione.

Quindi Jennifer Doss, un ex studentessa laureata alla Duke, e altri membri del laboratorio hanno estratto e analizzato campioni di RNA prelevati dalle cellule a otto intervalli di tempo, da 1 giorno a 42 giorni. I cambiamenti nell’RNA associati all’archiviazione sono diventati evidenti in quanto hanno confrontato i campioni successivi con il campione del giorno 1.

Due tipi di miRNA sono aumentati di numero durante lo stoccaggio e due sono diminuiti, afferma il dottorando Wen-Hsuan Yang, che ha eseguito gli esperimenti di biochimica. Il miR-70 ha avuto i cambiamenti più drammatici e coerenti.

Questo aumento di miR-720 è abbastanza significativo e abbastanza coerente da poter essere usato come biomarker per rilevare i globuli rossi memorizzati“, dice Chi.

Si è trovato quindi un parametro di riferimento per scoprire il doping legato all’auto-trasfusione

Fonte:
https://today.duke.edu/2018/10/new-finding-could-unmask-blood-doping-athletes