Sport e mente: equilibrio delicato

0
245
Sport e mente: equilibrio delicato

Nel primo sondaggio nazionale, nel Regno Unito, gli accademici della Edge Hill University, in collaborazione con DOCIAsport, hanno evidenziato che le malattie mentali sono presenti in persone che praticano sport, esercizio fisico o che lavorano nel settore dello sport e dell’attività fisica.

Le risposte di oltre 1200 uomini e donne (a partire dai 16 anni di età) coinvolti in oltre 50 sport e attività rivelano che il 57% degli intervistati ha avuto una malattia mentale, con donne che raggiungono il 64% rispetto ai maschi 51%.

Le donne sono più soggette

Significativamente il 70% delle giovani donne di età compresa tra i 16 ei 24 anni ha dichiarato di aver avuto problemi di salute mentale con oltre la metà (54%) che ha dichiarato come sia ancora un problema con cui stanno combattendo. Gli uomini avevano più probabilità di soffrire di malattie mentali a partire dai 35 anni.

I disturbi più comuni

Ansia, depressione, disturbi di panico, autolesionismo, anoressia e bulimia sono state le malattie più comunemente segnalate per uomini e donne, con uomini che riportavano anche condizioni come disturbi da uso di sostanze (incluso l’alcol).

Gli sport con più implicazioni psichiche

Gli sport in cui sono stati evidenziati più disturbi sono:

  • hockey (79%)
  • arrampicata / alpinismo (78%)
  • esercizio fisico e fitness (69%)
  • ciclismo (64%)
  • corsa (61%)
  • triathlon ( 60%)
  • rugby (59%)
  • nuoto (56%)
  • atletica (55%)
  • golf (54%)

Non solo gli atleti ma anche gli allenatori…

Oltre la metà degli allenatori (55%) hanno avuto problemi mentali

Tra gli altri lavoratori che avrebbero avuto maggiori probabilità di riportare problemi mentali vi erano quelli direttamente coinvolti nella fornitura di attrezzature sportive e attività fisica, come terapisti sportivi (65%) e responsabili dello sviluppo sportivo (58%). Oltre la metà degli intervistati ha ricoperto ruoli manageriali e amministrativi, tra cui presidente (69%), amministrazione / segreteria (56%), direttore (55%), commerciale / marketing (53 %), e amministratore delegato e manager (entrambi il 52%).

Malattia e lavoro

Nell’analizzare come la salute mentale e la malattia erano percepite e trattate sul posto di lavoro, alcuni intervistati hanno commentato lo stigma associato alla malattia mentale, spiegando che erano stati visti come “deboli” e hanno espresso la loro paura di essere giudicati inadeguati. Altri hanno affermato di aver ricevuto un sostegno prezioso da amici, colleghi nei luoghi di lavoro e che la salute mentale è stata presa sul serio.

Di conseguenza, il 57% degli intervistati ha dichiarato di preferire ricevere assistenza per la salute mentale da qualcuno al di fuori della propria organizzazione / luogo di lavoro; un quarto (25%) desiderava ricevere supporto da qualcuno all’interno e all’esterno della propria organizzazione; e solo il 5% ha preferito ricevere assistenza per la salute mentale da qualcuno all’interno della propria organizzazione.

La baronessa Tanni Gray-Thompson, ha sostenuto il sondaggio dopo aver presieduto il Duty of Care del governo in Sport Review nel 2017 e ha dichiarato:

Questi risultati mostrano che la malattia mentale può colpire persone di tutti gli sport indipendentemente dal loro ruolo o status. Sebbene sia stato fatto molto per aumentare la consapevolezza della salute mentale all’interno della comunità sportiva negli ultimi anni, le risposte al sondaggio mostrano che c’è ancora molto altro da fare per supportare meglio le persone che giocano, esercitano o lavorano nel Regno Unito nel settore sportivo. Spero che questa importante ricerca possa essere utilizzata per informare le politiche e le pratiche future nel settore e aiutare a implementare le raccomandazioni del Dovere di cura nello Sport “.

Fonti:

https://www.edgehill.ac.uk/news/2019/04/mental-illness-and-poor-mental-health-common-among-people-who-play-sport-exercise-or-work-in-the-sport-and-physical-activity-sector/