Cosa possiamo imparare dagli sport estremi

Cosa possiamo imparare dagli sport estremi

Credit photo: http://www.basejumper.com/

Tempo di lettura: 4 minuti

Base Jumping, paracadutismo, surf da onde grosse, sci estremo e arrampicata in solitaria senza corda possono avere un impatto più positivo sulla nostra salute di quello che si pensa.

Lo sport estremo e lo stereotipo di chi lo pratica 

Base Jumping, paracadutismo, surf da onde grosse, sci estremo e arrampicata in solitaria senza corda. Quando pensiamo a qualcuno che pratica queste attività estreme, pensiamo ad uno spericolato, ad un’”edonista deviante” o, ancora, un “cercatore di sensazioni”, che vuole una “scarica di adrenalina”. E con più probabilità si pensa siano giovani e maschi.

Gli sport estremi hanno benefici positivi sulla salute? 

Il problema con questo stereotipo di partecipanti agli sport estremi è che non solo non è sempre vero, ma significa anche che gli sport estremi vengono visti in un modo che li rende inaccessibili alle “persone normali/comuni”.

Questo punto di vista può essere estremamente dannoso, soprattutto perché recenti studi mostrano che gli sport estremi potrebbero essere effettivamente più accessibili e avere un impatto più positivo rispetto agli sport tradizionali e competitivi.

I benefici a breve e lungo termine, le testimonianze di chi pratica sport estremo

Sono state condotte interviste con persone di età compresa tra i 30 e i 70 anni che partecipano a sport estremi, i quali hanno suggerito che tali tipologie di sport aiutano a creare cambiamenti di vita profondi e positivi, sia a breve che a lungo termine.

I partecipanti descrivono una sensazione di pace e tranquillità durante l’esperienza che riflette qualcosa di simile alla consapevolezza.

A lungo termine, queste esperienze supportano benefici di benessere, compresa la consapevolezza che le emozioni, come la paura, che sono tradizionalmente considerate negative, non devono limitare il proprio potenziale.

Queste riflessioni possono spesso cambiare la vita quotidiana delle persone – non descrivono più “essere annoiati dalla vita” e hanno parlato di avere una “passione” per il loro sport. Hanno anche riferito di aver visto altre persone e il Mondo in un modo molto più positivo dopo aver preso sport estremi.

Il potenziale umano

I partecipanti di tutti i tipi di sport estremi spesso descrivono esperienze sensoriali straordinarie che normalmente non sono disponibili nella vita di tutti i giorni. Questo perché durante la partecipazione a uno sport estremo, la capacità di una persona di vedere, ascoltare e sentire migliora.

I base jumpers, ad esempio, parlano di una maggiore capacità di vedere ogni angolo, fessura, ombra e colore della roccia anche se viaggiano a 200 mph. I partecipanti descrivono anche un’esperienza che si sente come se si fondessero con l’ambiente che invariabilmente si trasforma in una sensazione di essere profondamente parte della natura.

Questa potrebbe essere una delle ragioni per cui così tanti atleti di sport estremi trascorrono molto tempo e molta energia lavorando duramente per educare e proteggere l’ambiente naturale – questo sguardo al potenziale umano agisce come un’opportunità di apprendimento per la salute psicologica e il benessere più in generale.

Il rischio di morte

Ovviamente quando si partecipa a questo tipo di attività, un errore o un incidente mal gestiti può portare alla morte. Forse questo è il motivo per cui chi non partecipa non riesce a capire perché qualcuno intraprenderebbe volentieri gli sport estremi, a meno che non ci sia qualcosa unicamente per “quei tipi di persone“.

Tuttavia questo rischio di morte è una grande parte del perché la partecipazione a sport estremi richiede un impegno considerevole, insieme a una grande quantità di duro lavoro. I partecipanti allo sport estremo devono avere una comprensione incredibile dell’ambiente in cui partecipano e se le condizioni non sono giuste – come il vento nella direzione sbagliata per il BASE jumping – allora eviteranno.

Il viaggio verso gli sport estremi: sviluppo di abilità e conoscenza

I partecipanti agli sport estremi possiedono anche una conoscenza approfondita delle proprie capacità e limiti fisici e psicologici. Questo è di vitale importanza, perché gli sport estremi non sono il posto giusto per scoprire se è possibile o meno intraprendere un’attività.

I surfisti delle grandi onde sviluppano lentamente le abilità, così come gli scalatori solitari senza corda iniziano con corde su terreni meno difficili e così via per tutti gli sport. Nella maggior parte dei casi, il viaggio verso gli sport estremi è spesso uno sviluppo deliberato di abilità e conoscenza.

Eroi sportivi

È chiaro che gli sport estremi hanno la capacità di far luce su ciò che significa essere umani – e di cosa sono capaci gli esseri umani. Ma per rendercene conto, come società abbiamo bisogno di un cambiamento culturale che accetti questo tipo di sport come portatore di benefici ed un cambio di opinione che riconosce i partecipanti agli sport estremi come esempi di ciò che è possibile nelle prestazioni umane.

Gli sport d’avventura

La buona notizia è che molti di questi benefici possono essere toccati attraverso gli sport d’avventura più generali, questo include attività come arrampicata, kayak e alpinismo. Gli sport di avventura non hanno il rovescio della medaglia di essere costretti da campi strettamente controllati come nel calcio o nel cricket. E non si concentrano sulla competizione, sulla vittoria e sulla perdita.

Questi sport sono aperti a tutti e, come gli sport estremi, possono aiutare a incoraggiare la partecipazione all’attività fisica, insieme a un grande senso di benessere e ad una relazione più profonda con l’ambiente naturale.

Fonti:
http://www.basejumper.com
http://www.wingsuitfly.com
https://www.theguardian.com/sport/gallery/2016/dec/21/surfers-face-monster-waves-as-big-wave-tour-hits-nazare-in-pictures
https://www.theatlantic.com/magazine/archive/2015/11/the-cliffhanger/407824/
https://aplus.com/a/female-athletes-break-stereotypes-extreme-sports?no_monetization=true
https://www.routledge.com/Phenomenology-and-the-Extreme-Sport-Experience/Brymer-Schweitzer/p/book/9781138957619
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22689592
https://www.youtube.com/watch?v=PF0L3gvSVcg
https://ericbrymer.wordpress.com/2017/01/30/evoking-the-ineffable/
http://eprints.leedsbeckett.ac.uk/3360/3/Evoking%20the%20Ineffable%20-%20The%20Phenomenology%20of%20Extreme%20Sports.pdf
http://www.tandfonline.com/doi/abs/10.1080/14775080902965223?journalCode=rjto20
http://ro.uow.edu.au/hbspapers/1672/
http://ro.uow.edu.au/edupapers/767/

 

5 Condivisioni