Che cos’è la pubalgia e chi colpisce?

0
1682

La parola “pubalgia” significa dolore (= algia) in corrispondenza del “pube”. Il dolore è di carattere muscolo-tendineo, definito come fitta o bruciore, normalmente localizzato ma in alcuni casi tende a irradiarsi verso la pancia o l’interno coscia.

Il quadro clinico

Il quadro clinico della pubalgia è caratterizzato da dolore e impotenza funzionale. In genere parliamo di un dolore che si acutizza dopo il movimento e che può compromettere anche le normali attività di vita quotidiana come il camminare, il vestirsi, il salire e scendere le scale.

Il dolore, si manifesta in particolare alla mattina al risveglio o all’inizio degli esercizi fisici, per poi scomparire dopo il riscaldamento. Nelle sue fasi più avanzate e gravi, durante lo svolgimento dell’attività sportiva il dolore si può presentare all’improvviso e in modo tanto intenso da impedirne la continuazione e rendere difficile anche la semplice deambulazione.

È una problematica multifattoriale

Il numero così ampio di cause è dato principalmente dalla sede interessata, infatti il pube è sede inserzionale di numerose strutture muscolo tendinee che appartengono a distretti corporei differenti (es. addominali e retti). 

Le cause più frequenti sono riferite al sovraccarico funzionale dove una serie di piccoli traumi ripetuti continuamente possono creare alterazioni a livello pubico, dove si inseriscono i tendini. A loro volta, le cause del sovraccarico sono date da vari fattori come:

  • uno squilibrio muscolare        
       
  • la postura
       
  • il tipo di sport
       
  • problemi alla colonna
       
  • ernia inguinale
       
  • operazioni effettuate in regioni prossime al pube

È compito dell’ortopedico scrivere la diagnosi, e dovere del fisioterapista in campo riabilitativo e dell’osteopata in campo preventivo e posturale dedicare una valutazione iniziale al fine di studiare la strategia migliore per far star bene il paziente nel minor tempo possibile.

Ne soffrono soprattutto gli sportivi o che giocano su superfici diverse (es. Tennista) o che compiono movimenti multidirezionali (es. Calco e Hockey). 

È comune maggiormente negli uomini e di solito colpisce prevalentemente l’arto dominante. Può presentarsi sotto 3 distinte forme:

  1. Malattia degli adduttori o tendinopatia inserzionale, provocata in particolare da movimenti veloci di aggiustamento posturale che possono provocare uno stiramento dei muscoli adduttori della coscia
       
  2. Osteo-artropatia pubica o sindrome sinfisaria, generata in genere da sovraccarico dovuto a sollecitazioni croniche ripetute
       
  3. Sindrome della guaina del retto femorale, conseguente di solito a un trauma

Pubalgia in gravidanza? 

Il dolore si avverte soprattutto negli ultimi mesi. Questo perché è prodotto da 2 fattori che sono il peso del bambino sui muscoli addominali e la secrezione ormonale di “relaxina” che dà un aumento dell’elasticità alla sinfisi pubica.

Rimedi e approccio osteopatico e fisioterapico 

La cura migliore nella prima fase è la riduzione dell’attività fisica e agonistica e fondamentale sarà anche il controllo del dolore e dell’infiammazione utilizzando oltre alle tecniche manuali anche trattamenti fisioterapici con elettromedicali (Tecar e Laserterapia).

Nella seconda fase, l’osteopata penserà ad un iter riabilitativo adatto alla storia clinica del paziente e basato su tecniche di terapia manuale (rilascio muscolare), manipolazioni fasciali e articolari associati ad una riabilitazione fisioterapica funzionale con esercizi di rinforzo, allungamento e mobilità mirati sulle possibilità del singolo paziente.

Generalmente il trattamento per pubalgia prevede una stretta collaborazione, soprattutto per gli sportivi, da parte di più operatori come Osteopati e Fisioterapisti ma anche Ortopedici e Podologi; sarà fondamentale per la corretta guarigione e risoluzione del problema.

Fondamentale sarà a livello OSTEOPATICO

  • Ristabilire e migliorare le alterazioni trovate a livello del bacino     (asimmetrie, limitazioni articolari e fasciali)
       
  • Rilasciare ed inibire la muscolatura adduttoria (maggiormente sul muscolo adduttore lungo), ileopsoas, muscolatura quadricipitale
       
  • Lavorare sulla ricerca di equilibrio e di funzionalità tra diaframma e pavimento pelvico
       
  • Lavorare sullo schema del paziente tramite la ricerca della disfunzione somatica prioritaria

Fondamentale a livello FISIOTERAPICO

  • Allungare e rilassare la     muscolatura adduttoria della     coscia
       
  • Rinforzare la muscolatura addominale soprattutto del retto addominale, la     muscolatura adduttoria con esercizi eccentrici e concentrici
       
  • Riabilitazione propriocettiva e core stability
       
  • Esercizi di allungamento della catena cinetica posteriore    

Fonti

  1. Ellsworth,     A. A., Zoland, M. P., & Tyler, T. F. (2014). Athletic pubalgia     and associated rehabilitation. International     journal of sports physical therapy, 9(6),     774.
       
  2. Cohen,     B., Kleinhenz, D., Schiller, J., & Tabaddor, R. (2016).     Understanding athletic pubalgia: a review. Rhode     Island medical journal, 99(10),     31.
       
  3. Hegedus,     E. J., Stern, B., Reiman, M. P., Tarara, D., & Wright, A. A.     (2013). A suggested model for physical examination and conservative     treatment of athletic pubalgia. Physical     Therapy in Sport, 14(1),     3-16.
       

Oliveira,     A. L. D., Andreoli, C. V., Ejnisman, B., Queiroz, R. D., Pires, O.     G. N., & Falótico, G. G. (2016). Epidemiological profile of     patients diagnosed with athletic pubalgia. Revista     Brasileira de Ortopedia, 51(6),     692-696.

Francesco Petrucci
Francesco Petrucci
Osteopata
Osteopata D.O. B.Sc.Ost, ama lo sport e l’anatomia e ha trasformato la sua passione in lavoro. Svolge la professione nel suo studio privato di Arese e collabora inoltre con una società di calcio.