Il Tai Chi: arte marziale per la respirazione

Il Tai Chi: arte marziale per la respirazione
Tempo di lettura: 3 minuti

Il Tai Chi offre un’alternativa economica e facilmente accessibile alla riabilitazione polmonare.

Questo è ciò che è emerso dallo studio pubblicato sulla rivista CHEST® .

Il Tai Chi per migliorare la respirazione 

I ricercatori hanno scoperto che il Tai Chi, forma lenta e metodica di esercizio, è equivalente alla riabilitazione polmonare (RP) per migliorare la funzione respiratoria nei pazienti con la broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO).

Tale post potrebbe quindi essere un nuovo modo per aiutare i pazienti tale infiammazione cronica delle vie aeree e del tessuto polmonare  a migliorare il loro stato funzionale.

Tai Chi: di cosa si tratta? 

Il Tai Chi è un’arte marziale cinese molto antica considerata anche una ginnastica dolce e profonda, per il suo benefico apporto al sistema circolatorio e nervoso rappresenta un potenziale terapeutico per i malati di Sclerosi Multipla e altre patologie legate ad ansia e stress.

La pratica del Tai Chi si sviluppa attraverso una serie di esercizi specifici e mediante una serie di movimenti lenti e delicati collegati fra loro, i quali sviluppano la circolazione dell’energetica vitale (Qi) nel corpo e aiutano a utilizzare la respirazione e la meccanica corporea in modo ottimale, contribuendo a ridurre ansia e stress.

Oggi questa disciplina è praticata principalmente come attività per il benessere psicofisico, essa infatti rende il corpo più agile e armonioso e apporta beneficio al sistema nervoso e alla circolazione.

Per questo aspetto numerosi studi stanno cercando di stabilire le probabili influenze positive del Tai Chi verso persone affette da diverse patologie.

Tai Chi aiuta chi soffre di BPCO: lo studio ed i risultati 

Conoscendo i potenziali benefici del Tai Chi, abbiamo ipotizzato che, nei pazienti trattati con farmaci per gestire i loro sintomi della BPCO, potrebbe contribuire a migliorare la qualità della vita rispetto a un corso di PR di tipo occidentale classico“, ha osservato il professor Nan-Shan Zhong, MD, State Key Laboratory of Respiratory Disease, Guangzhou, Cina.

Lo studio ha monitorato 120 pazienti con BPCO in Cina rurale che non avevano mai usato un broncodilatatore. Dopo l’inizio del trattamento quotidiano con indacaterolo, i soggetti sono stati assegnati in modo casuale a gruppi che ricevono il PR tradizionale o il Tai Chi. Sia i gruppi Tai Chi che i gruppi PR hanno mostrato miglioramenti simili nei punteggi del questionario del Respiratorio Saint Georges (SGRQ), una misura standard dello stato di salute in pazienti con malattie che causano ostruzione delle vie aeree. Tuttavia, dopo dodici settimane, è emersa una differenza clinicamente significativa nei punteggi SGRQ a favore del Tai Chi. Tendenze simili sono state rilevate nell’esecuzione di un test di camminata di sei minuti.

Le considerazioni sullo studio

Il ricercatore capo Professor Yuan-Ming Luo del Laboratorio chiave di stato delle malattie respiratorie spiega: “Mentre nessuno dei due approcci di allenamento differiva dall’altro rispetto alla minima differenza clinicamente importante di quattro punti SGRQ alla fine di questo studio di 12 settimane, dopo ulteriori 12 settimane sono emersi miglioramenti a favore del Tai Chi. Concludiamo che il Tai Chi è equivalente a PR e può conferire un beneficio più sostenuto “.

Dettagli dello studio: come sono state le lezioni di Tai Chi?

I soggetti del gruppo Tai Chi si sono incontrati per le lezioni formali cinque ore a settimana per 12 settimane e hanno imparato il 24 stile Yang.

Ci sono diversi stili di Tai Chi, ognuna caratterizzata da movimenti e forme diversi: quelli più diffusi sono lo Yang e il Chen.

Lo stile Yang è oggi lo stile più noto ed insegnato, in quanto praticabile a qualsiasi età, per la sua ricerca di armonia e coesione nel movimento delle diverse parti del corpo e può essere considerato anche una ginnastica dolce e profonda.

I risultati del gruppo Tai Chi sono stati confrontati con quelli di un altro gruppo di soggetti che hanno ricevuto PR tre volte alla settimana per 12 settimane. Dopo le prime 12 settimane, i partecipanti sono stati incoraggiati a continuare il loro Tai Chi da soli o con un gruppo nella loro comunità. Tuttavia, durante questo periodo non è stata fornita assistenza formale ai pazienti. Quelli del gruppo PR hanno ricevuto incoraggiamenti verbali a rimanere il più attivi fisicamente possibile. L’analisi finale di tutti i dati è stata condotta 12 settimane dopo la conclusione della formazione formale.

Le conclusioni

Per molti pazienti, la riduzione dei sintomi della BPCO può migliorare notevolmente la qualità della vita. Mentre i farmaci continuano a svolgere un ruolo importante nel trattamento della BPCO, il costo di tali farmaci può costituire una barriera per alcuni pazienti, in particolare per il trattamento di una malattia cronica come la BPCO.

“Questo studio dimostra che un intervento di esercizio a basso costo è equivalente alla riabilitazione polmonare formale, e questo può consentire un maggior numero di pazienti da trattare, ha concluso l’autore principale dello studio Michael I. Polkey, Respiratory Biomedical Research Unit , The Royal Brompton & Harefield NHS Foundation Trust e Imperial College, Londra, Regno Unito.

“L’attività fisica è fondamentale per ridurre i sintomi nella BPCO. Raccomandiamo il PR, ma il nostro studio dimostra che il Tai Chi è un’alternativa praticabile quando non esiste un servizio locale di PR. Incoraggiamo i fornitori di riabilitazione polmonare a considerare l’offerta di Tai Chi come terapia alternativa che i pazienti sarebbero quindi in grado di continuare senza sorveglianza a casa propria”.

Fonti:
http://journal.chestnet.org/article/S0012-3692(18)30313-1/fulltext
https://sanifutura.it/prenditi-cura-di-te/tai-chi-arte-marziale-benessere-psicofisico/

 

17 Condivisioni