Perchè i muscoli si indeboliscono con l’età

Perchè i muscoli si indeboliscono con l’età
Tempo di lettura: 3 minuti

Con l’avanzare dell’età i muscoli diventano sempre più deboli. Un nuovo progetto condotto dai ricercatori del Dipartimento di Neurologia dell’Ospedale universitario di Würzburg e pubblicato sul Journal for Neuroscience spiega il perché.

L‘aspettativa di vita media è al massimo storico e in aumento. Questo è associato ad un aumento delle malattie legate all’età del sistema nervoso come l’Alzheimer e altre forme di demenza. Tuttavia tali degenerazioni patologiche non riguardano solo il cervello. Il sistema nervoso periferico aumenta anche il rischio di degenerazione con l’avanzare dell’età.

Debolezza muscolare progressiva 

Tutto ciò ha gravi conseguenze per le persone colpite: spesso soffrono di parestesie e dolori lancinanti alle estremità. La perdita muscolare progressiva è particolarmente importante in quanto limita considerevolmente la mobilità e spesso porta a cadute pericolose che segnano la fine dell’indipendenza di una persona.

Lo studio 

Sebbene le conseguenze della degenerazione dei nervi periferici legate all’invecchiamento abbiano un impatto enorme, le sue cause non sono state ancora studiate in modo sistematico. Tuttavia  un nuovo progetto condotto da ricercatori del Dipartimento di Neurologia dell’Ospedale universitario di Würzburg ha esaminato un aspetto importante della degenerazione nervosa legata all’età che potrebbe essere un obiettivo per la terapia. Il Professor Rudolf Martini, che dirige la Sezione di Neurobiologia dello Sviluppo presso il Dipartimento di Neurologia, è stato responsabile del progetto.

Macrofagi sotto il microscopio 

“Lavorando con i nostri colleghi dell’Università di Aquisgrana, abbiamo prima esaminato sistematicamente i cambiamenti che avvengono nei nervi periferici di persone di età compresa tra 65 e 79 anni” spiega Rudolf Martini. Durante la ricerca i ricercatori hanno riscontrato un aumento del numero di macrofagi nei campioni.

Cosa sono i macrofagi?

I macrofagi sono cellule del sistema immunitario del nostro corpo che fagocitano, digeriscono e smaltiscono i microbi, le sostanze estranee, i detriti cellulari, le cellule di invecchiamento. Impostano le risposte infiammatorie in movimento, aiutano a guarire le ferite e purificano il tessuto. Purtroppo, tuttavia, causano anche danni in alcune malattie.

L’esperimento sui topi

Per scoprire se questo si applica anche alla degenerazione nervosa legata all’età, gli scienziati hanno eseguito un esperimento sui topi.A tal fine, abbiamo osservato più da vicino i nervi dei topi di 24 mesi che sono un’età avanzata per i topi“, spiega Rudolf Martini.

Si è scoperto che i cambiamenti legati all’età nei nervi periferici dei topi sono molto simili a quelli negli umani. Come nelle loro controparti umane, il numero di macrofagi è aumentato nei topi. Inoltre gli animali più anziani avevano meno forza rispetto ai loro fratelli più piccoli e le loro placche terminali motorie, le sinapsi che collegavano i nervi e le fibre muscolari, erano anche meno intatte.

Terapia di successo nell’esperimento sugli animali

In una fase successiva, Martini e il suo team hanno esaminato se i macrofagi sono effettivamente responsabili dell’attivazione di questi cambiamenti. A tal fine, hanno aggiunto una sostanza speciale al cibo dei topi all’età di 18 mesi, causando la morte dei macrofagi. “Dopo sei mesi di trattamento, abbiamo riscontrato che la degenerazione correlata all’età nei topi trattati era molto meno pronunciata“, Martini descrive i risultati. Di conseguenza, gli animali avevano più forza muscolare e le loro placche terminali del motore erano in una forma migliore rispetto ai topi di controllo non trattati.

Le conclusioni

Martini e i suoi colleghi concludono: “Il nostro studio non mostra solo una relazione causale tra le risposte infiammatorie nei nervi anziani e i processi di invecchiamento degenerativi, ma anche che questa condizione può essere trattata“. Secondo i ricercatori un trattamento mirato e altamente specifico dell’infiammazione legata all’età e dei macrofagi può migliorare la struttura e la funzione dei nervi e, di conseguenza, aumentare la mobilità e la qualità della vita.

Fonti:
https://www.uni-wuerzburg.de/en/sonstiges/news/detail/news/when-muscles-weaken-with-age/
http://www.jneurosci.org/content/38/19/4610
39 Condivisioni